VivaRovere.

Bello svegliarsi senza pensieri.

I danni del terremoto a Rovere del 6 aprile 2009

Pubblicato il 06 Apr 2009 in Rovere News | 316 comments

Anche Rovere, Rocca di Mezzo, Ovindoli e Rocca di cambio e gli altri paesi dell’ Altipiano delle Rocche sono stati colpiti da questa scossa di terremoto che c’ è stata nella notte di lunedì 6 aprile 2009.

AGGIORNAMENTO: mi sono arrivate le prime strazianti foto da Rovere. Le trovate nel nuovo articolo che ho iniziato, CLICCATE QUI.

AGGIORNAMENTO 2: seguendo il telegiornale, ho saputo che presso il cinema di Rocca di mezzo è stato organizzato un “punto di raccolta”. Non so bene se sarà allestita anche una “tendopoli”, le notizie sono di una squadra di soccorritori Veneti che è arrivata a Rocca di Mezzo. Arriva la conferema del sindaco Emilio Nusca (fonte: repubblica.it)

“sono arrivate stamani 127 tende della Protezione Civile del Veneto per circa 200 posti letto, mentre si segnala la mancanza di bagni chimici e il problema del riscaldamento, visto che stanotte la temperatura è scesa un grado sotto lo zero: il Comune, che ospita circa 1.300 abitanti, dei quali il 60% ultrasessantenne, si trova a 1.300 metri.”

AGGIORNAMENTO 3: dal momento che in molti c’ è il desiderio di partire nei prossimi giorni per Rovere, anche se per ora NON SI DEVE andare, ho iniziato un nuovo articolo dove, unendo le informazioni in mio possesso e i vostri commenti, possiamo seguire la SITUAZIONE DELLA VIABILITA’, di strade e autostrade, ANDATE QUI>>

AGGIORNAMENTO 4, ore 21:00 del 7 aprile 2009:

Sembra sia crollato del tutto il campanile, anche la parte inferiore.

09/04/2009: notizia smentita dalle ultime foto che potete vedere nel set di flickr. La notizia vera è che il campanile (quello che ne resta) è stato messo in sicurezza dai vigili del fuoco.
E anche il castello sembra sia capitolato dopo le ultime scosse (con epicentro più vicino a noi, purtroppo).

Come potete vedere, sono crollate alcune parti del castello

AGGIORNAMENTO 5:

Marco e Gianluca ci fanno un report abbastanza dettagliato di tutta la situazione, appena tornati da Rovere.

Potete leggere i loro lunghi commenti QUI>

AGGIORNAMENTO 6: è stata allestita una “tendopoli” anche al campo sportivo di Rovere. Come riporta rockinthemiddle, la scossa delle 19e45 di ieri sera ha avuto epicentro vicino San Martino d’Ocre, ed è stata quindi percepita dai Roveresi come più forte di quella di lunedì. Magnitudo >5

AGGIORNAMENTO 7: a chi servisse, il Comune di Rocca di Mezzo ha messo a disposizione il “modulo richiesta sopralluogo agibilita’” da presentare compilato in tutte le sue parti al comune.
DOWNLOAD LINK

AGGIORNAMENTO 8: Le nuove scosse di terremoto della notte passata non sembrano aver recato ulteriori rilevanti danni. Lo conferma chi a Rovere è stato oggi 09-04-2009

AGGIORNAMENTO 9:  16/04/09 mi è arrivata un’ email da Rodolfo, che lavora all’ albergo diffuso di Rovere, il “RoburMarsorum”.

Mi sembrava giusto farla leggere anche a voi, perchè la buona notizia è che a Rovere si riparte, lo spirito positivo resta sempre!

Io vivo a Rovere da 3-4 mesi, lavoro all’albergo diffuso Robur Marsorum. in questi giorni difficili il tuo sito mi è stato davvero utile. Dopo aver dormito qualche notte in tenda sono tornato a casa mia a Pescara e attraverso le vostre pagine sono rimasto in contatto con la piana. ieri sono tornato a casa a Rovere. la protezione civile e l’abilità della gente del posto ha preparato in poco tempo un centro d’accoglienza perfetto. è tutto organizzato in modo perfetto. mi hanno dato una stufa elettrica per riscaldare la casa e visto che non ho il gas (come sai non c’è in tutta la piana) vado a mangiare insieme a tutti i roveresi al centro accoglienza. si mangia bene e grazie a Dio il clima è sempre caldo e accogliente. tutti hanno il sorriso sulla bocca.

Riporto qui le parole della testimonianza Eleonora per  maggiore visibilità:

I miei erano a Rovere quando è successo.. Mi hanno detto che è stata una scossa fortissima, si sono abbracciati con la paura di morire.. Sono scesi tutti con molta difficolta perchè la corrente non c’era.. Tutti si sono recati giu in piazza, il sindaco li ha fatti andare tutti a rocca di mezzo precisamente davanti il cimema dove la protezione civile gli ha potuto dare coperte e te caldo per i bambini..
Anche se raccontate sono scene atroci..
L’ A24 è chiusa e se non erro anche la tiburtina.. Si consiglia a tutti di non andare perchè ora c’è pericolo che in queste ore possa accadere di nuovo..

Tramite giri di telefonate mi sono arrivate le prime notizie sui danni subiti da Rovere

Danni alle cose (le seguenti notizie sono ancora frammentarie e da verificare)

  1. Purtroppo è crollato il campanile di Rovere. Un gravissimo danno, affettivo oltre che economico. Il campanile era in tutte le mie foto, per un pò di tempo avremo Rovere “amputato” di questo importante elemento. Aggiornamento sulla dinamica del crollo: sembra che la campana sia ruzzolata giù verso la discesa. Questo può farci capire qualcosa in più.
  2. Crollate (per quando potessero ancora crollare) quelle case vicine al castello. A questo punto mi chiedo, quali sono i danni subiti dal Castello?
  3. Lesionate le case su per il paese, in particolare quelle vicino al campanile dentro e fuori. Dichiarate inagibili. Danni quasi nulli per le case al piano (fonte: Comune di Rocca di Mezzo). Potrebbero essere caduti pensili e altri mobili.
  4. Nei commenti si parla di gravi danni subiti dal residence. (notizia da verificare)
  5. Via Franco Nusca (la parallela della via gniòva – la statale) sembra sia in ordine a parte qualche crepa
  6. Ecco com’ era il nostro amato campanile:

    E' crollato il campanile di Rovere

    E' crollato il campanile di Rovere

Danni alle persone

Fortunatamente, per ora, non mi sono stati segnalati feriti.

Effetti collaterali del terremoto

Chiusa l’ A24 nel tratto roma teramo da tornimparte ad assergi, e totalmente chiusa ai soli mezzi pesanti, interrotti energia elettrica e gas (notizie da verificare).

EVITATE DI PROVARE AD ANDARE A ROVERE: CHI E’ Lì E’ STATO OBBLIGATO A RESTARE (portati tutti alla Rocca), PER QUESTIONI DI SICUREZZA. l’ invito e’ a non andare anche per agevolare i soccorsi.

Aggiornerò questo articolo con tutte le informazioni che mi arriveranno, anche le più piccole.

Se stati leggendo, e hai altre notizie, lascia un commento.

316 comments

  1. Maya / aprile 9th, 2009 9:57

    Per favore postate le notizie su Ovindoli nella Categoria Paesi Vicini -I danni del terremoto a Ovindoli

  2. lavinia / aprile 9th, 2009 10:56

    stanotte c’è stata una scossa tanto forte che temo abbia fatto crollare il paese(alla faccia del fatalismo)se avete notizie scrivetele subito…

  3. gippo79 / aprile 9th, 2009 11:01

    si Maya hai ragione, avevo cominciato a postare qui semplicemente perchè era l’articolo più seguito da chi entrava nel sito 2gg fa, e ancora non c’era la divisione degli articoli.
    In ogni caso siamo tutti con voi!!!

  4. sandra / aprile 9th, 2009 11:52

    Grazie a tutti i roveresi e non …..per le informazioni chiare e i sentimenti forti che tutti noi condividiamo. Speriamo di rivederci tutti presto stretti in un forte e unito abbraccio. Con affetto

  5. Riccardo / aprile 9th, 2009 12:20

    Rinnovo, perdonatemi, il mio suggerimento a non prendere iniziative private in modo destrutturato, soprattutto inerenti ad un sopraluogo delle abitazioni per i seguenti motivi:

    –> E’ totalmente inutile in quanto la situazione è in continua evoluzione e le case non possono essere visibili al loro interno se non da esperti (ancora non capisco che valore aggiunto potete trarre dal contare le crepe senza capirne l’entità)
    –> E’ assolutamente sconsigliato da tutte le autorità di transitare per tutte le strade (proprio ieri è cascato nuovamente un masso tra Ovindoli e Celano e questa mattina ho avuto notizie di possibili, ripeto POSSIBILI, interruzioni dalla parte di celano/maiano de marsi)
    –> Sull’A24, in molti punti, fanno transitare molto lentamente anche i mezzi di soccorso (40km/h)
    –> Se volete aiutare portando beni o altro, ci sono molte iniziative coordinate dalla protezione civile e centri di raccolta anche a Roma (non serve andare su di persona per portare del materiale)

    Per le continue scosse (non ultima quella di stanotte), rischiare le nostre vite, ma soprattutto quelle di chi potrebbe venirci in soccorso è inutile, ripeto è inutile (i mezzi per portare su il materiale ci sono). Avete mai pensato cosa possa succedere all’interno delle gallerie o sui cavalcavie in concomitanza di una scossa sismica ?
    Capisco in pieno la voglia di voler aiutare, di ridare vita a quei posti, ma c’è molto da fare nel prossimo futuro in ogni settore ed in questo momento dobbiamo lasciar operare le strutture di competenza.
    Prendetelo come un consiglio da chi vuole fare come voi … vi voglio bene a tutti !!

  6. giovanni / aprile 9th, 2009 13:29

    Ciao a tutti, roveresi e non, innanzitutto ringrazio Angelo per la splendida attività di questo.
    Proprio poche ore fa un amico mi ha comunicato che la mia casa risulterebbe lesionata nella facciata esterna.
    La mia casa si trova in alto in alto a pchi passi dalla chiesa e dalla piazzetta e, purtroppo, la mia non è l’unica da aver subito danni in quella zona….sono rammaricatissimo perchè per me rovere è il posto più bello dei ricordi della mia infanzia. un saluto a tutti
    Giovanni (nanni)

  7. Alberto / aprile 9th, 2009 18:38

    Ciao a tutti!! Torno adesso da Rovere, ho Buone notizie per il condominio Parco dei Principi 2. Ho casa nella palazzina B al secondo piano. L’esterno di tutte le palazzine è integro, all’interno del mio appartamento non ci sono danni apparenti (sembra tutto intatto) sono caduti alcuni oggetti leggeri che stavano sopra al camino. Nel sottotetto sembra tutto in ordine, così anche in garage. Anche gli altri condomini sembrano in buono stato.
    Nelle vicinanza del campo sportivo c’è una piccola tendopoli occupata dai pochi abitanti di Rovere.
    Per motivi di precauzione è sconsigliato inoltrarsi per il paese vecchio.
    Certo che senza il campanile sembra un altro paese!!!

  8. Valerio / aprile 10th, 2009 8:28

    Riccardo ha perfettamente ragione, nel caso ha più senso, per ora, offrire – chi può – lavoro materiale e “di testa” (capacità organizzativa) nei centri di raccolta dove si preparano gli invii di materiale. E il materiale dovrebbe arrivare in funzione delle richieste, se no chi non può rientrare a casa rischia di ritrvrasi con sedicimila cappotti e nemmeno un paio di mutande (visto che con ogni evidenza non può lavarle in lavatrice).

    Quanto alle case, il breve giro che ho fatto fra Ovindoli e Rocca di Cambio, con un amico carissimo ingegnere antisismico, mi ha del tutto convinto che un profano del calcolo strutturale, anche se un minimo competente in fatto di costruzioni (come chi ha già seguito di persona una ristrutturazione di una propria casa) o addirittura proprio del mestiere (come un geometra o un bravo mastro) non ha gli strumenti conoscitivi per valutare dei danni che, comunque, sono da quantificare a bocce ferme, cioè non adesso.

    Tu gli fai notare un crepa che ti sembra vistosa, e lui fa spallucce perché lo considera uno “scollamento” banale di un tramezzo; poi invece lo vedi rabbuiarsi di fronte a una lesione quasi filiforme che non avevi minimamente degnato di considerazione.
    Se per valutare realmente una situazione dobbiamo saper ragionare in termini di baricentro delle rigidità e baricentro delle inerzie, è proprio del tutto inutile che “contiamo le crepe”.

    Piuttosto, se siamo in grado di chiederlo a qualcuno del posto, facciamoci chiudere l’acqua generale e la corrente: un rivenditore di scaldabagni sull’Altopiano delle Rocche avrà un bel daffare a trasportare tutti quelli che gli verranno chiesti, fra un paio di mesi (una percentuale impressionante saranno caduti a terra: 80 kg d’acqua più 20 kg di boiler appesi su due stop a gancio, ad oltre due metri di altezza, che oscillano furiosamente scossi da un sisma violento hanno ben poche probabilità di restare sulla parete… e quando cadono, di norma beccano almeno uno o due dei sanitari in ceramica.

  9. Gino / aprile 11th, 2009 11:27

    @Corrado e i tecnici del forum: nelle case alle cui pareti interne ci sono le doghe di legno, queste vanno staccate per verificare i danni?

  10. Corrado / aprile 12th, 2009 10:07

    Ciao Gino,

    Diverse cose di possono vedere dall’esterno e ci si può fare un’idea. Premesso di NON DARE TROPPO PESO a quel che dico perché è come volersi fare le diagnosi mediche da soli, in linea di massima le crepe esterne dicono qualcosa in casi semplici. Per esempio, una tamponatura rettangolare si distacca dapprima sul perimetro. Vedi benissimo il rettangolo delimitato dalle crepe, che segue il telaio di CA. Già così – tanto per esempio – il condominio “la Maiella” è stato dichiarato inagibile. Il passo successivo sono lesioni a croce o diagonali. In quel caso vuol dire che le cose sono più serie. All’interno, per venire alla tua domanda la risposta è sì: occorre mettere a nudo l’intonaco e non vale solo per doghe e rivestimenti ma persino una carta da parati abbastanza spessa potrebbe nascondere qualcosina anche se è difficile. Quindi, per verificare all’interno occorre togliere tutto quel che nasconde la tamponatura o l’intonaco se l’edificio è in muratura. Ma prima di fare questo occorre chiedersi se ne vale la pena. La struttura potrebbe essersi indebolita, in particolare nelle zone in cui si incrociano travi e pilastri, senza che si veda niente. Io direi che tra un paio di mesi, quando la situazione è stabile, chi può potrebbe far eseguire qualche saggio da professionisti specializzati. Tutto dipende dal fatto che sia un’abitazione privata o un condominio o altro, e il livello di tranquillità che si desidera 🙂

    Il problema principale secondo me è il seguente: le strutture in CA, che sono la maggioranza, hanno un limite di cicli di sollecitazione. Le scosse sono state tante e magari la prima forte ha innescato qualche lesione che è “andata avanti” in un certo senso consumando una parte delle riserve di resistenza a ogni scossa successiva. Questo potrebbe avvenire anche senza alcun danno visibile: anche se è difficile non si può escludere nemmeno questo. La domanda diventa: anche quando tutto sarà tranquillo, sapendo che quella zona è sismica e sapendo che – anche se tra diversi anni – ci saranno altri terremoti, vivrei in una casa che si è in un certo senso indebolita e che al prossimo terremoto crollerà mentre non sarebbe crollata se fosse stata a posto, nonostante ora sembri perfettamente in ordine?

    Per favore, ancora una volta, non prendetelo come allarmismo. Sto tranquillamente mettendo sul tavolo il problema che preoccupa ME per la mia casa nella quale vorrei andare a letto più o meno sereno.

    L’unica è aspettare questo paio di mesi, poi, se si può o si vuole, far controllare non solo a vista ma con qualche saggio e poi prendere le decisioni che ciascuno riterrà opportune.

    ciao a tutti

    Cor

  11. danielemarin / aprile 13th, 2009 23:23

    Nuova scossa percepita fortemente a roma, ore 23,16 ….. batte il cuore

  12. gianluca / aprile 15th, 2009 15:49

    ciao sono gianluca, volevo chiedere se qualkuno era stao su lunedi,quindi qualke novità sulla scossa delle 23. io sono stato a rovere sabato e, per quel poco ke ho potuto vedere,la situazione è peggiore di quanto mi aspettassi.Volevo dir, se non è stato già fatto,ke a breve ci si mobiliterà per la ricostruzione del campanile, ad occuparsene sarebbe disposto il cugino di filippo del market,anke se magari è qui fra i blogger ma nn lo conosco

  13. federico spinucci / aprile 15th, 2009 16:13

    se qualcuno si organizza per ricostruire il campanile fateci sapere!!!! saluti e un abbraccio a tutti i Rocchigiani
    Federico S.

  14. Rosaria / aprile 17th, 2009 10:23

    Sì, fateci sapere se ci sarà un CC dedicato ai danni a Rovere e alla ricostruzione del campanile o se dobbiamo inviare anche questi i fondi sul conto di RoccadM dedicato al terremoto

  15. Roberta / aprile 20th, 2009 17:52

    Salve a tutti…A chi interessa..sabato i miei genitori sono stati a Rocca di Cambio, precisamente ai Cerri, lotto 74…dicono che alla palazzina di 2 piani, dove abbiamo l’appartamento, si sono soltanto leggermente rovinate le scale dell’esterno, dentro casa solo dei ciaffetti di legno sul pavimento, il resto è rimasto integro come se non fosse successo nulla…
    Un abbraccio a chi invece ha perso tutto..o quasi..vi siamo vicini…
    roby

  16. official site / luglio 23rd, 2016 15:13

    I simply want to tell you that I am just beginner to blogs and absolutely loved you’re web blog. Almost certainly I’m likely to bookmark your blog . You absolutely come with tremendous writings. Cheers for sharing with us your web site.